lunedì, gennaio 16

Te la do io la TV...

Beppe Grillo
un comico, un personaggio famoso, un uomo così amato da anni
all'unisono da tutto il paese, che viene intervistato e trasmesso
dai media internazionali ed è considerato una voce molto importante,
non ha spazio nella sua patria a causa del regime a cui essa è sottoposta.
Se lo chiede lui stesso e lo chiede anche a noi nei suoi spettacoli...

"dove potrei andare? in quale tv mi vedreste?"

Con la sua semplice chiarezza ci sta aprendo gli occhi da anni ed anni,
ci sta rendendo meno confusi e più consapevoli del fatto
che il male dell'Italia non è il suo popolo, ma il suo mal governo,
da sempre.
E ci sta insegnando che esiste un regime televisivo
che taglia le teste che hanno voci importanti
e sega le gambe ai personaggi troppo dinamici,
specie se sanno far divertire e far pensare allo stesso tempo.

La risposta che sentiamo di dare alla tua domanda, caro Beppe, è questa:

C'è solo un posto da cui meriti di rientrare in televisione oggi,
ed è il Festival di Sanremo, in diretta su RAIUNO, l'ultima sera,
in mondovisione.

Ci hai chiesto dove puoi andare, in quale tv...

Abbiamo in cuore fortissima la sensazione che stavolta lo spazio in tv
possiamo creartelo noi, con una email per uno.

E sai perché? Sì che lo sai... Ce l'hai spiegato proprio tu.
Perché come i politici sono i nostri dipendenti,
anche i media in realtà dipendono da noi,
in particolare la RAI che pretende un canone e ci vende pubblicità...

Siamo noi i datori di lavoro della RAI.

Quindi oggi lo chiediamo ufficialmente ai nostri dipendenti
certi del fatto che altri si uniranno:

***

Alla Direzione di RaiUno
e p.c. alla Direzione Generale della RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA


IN VIRTU' DEL MIO RUOLO DI FRUITORE FINALE
DEI CONTENUTI TELEVISIVI TRASMESSI DALLA RAI,
CHE PERCEPISCE UN CANONE A LIVELLO NAZIONALE
PER FORNIRMI SODDISFAZIONE
NEL PROFITTO DI QUEI CONTENUTI,
CHIEDO FORMALMENTE
CHE IL SIGN. BEPPE GRILLO SIA UFFICIALMENTE INVITATO
ALL'ULTIMA SERATA DEL FESTIVAL DI SANREMO 2006
IN DIRETTA SU RAI UNO.
Mi oppongo inoltre alla partecipazione di Schwarzenegger in quanto
rappresentante politico di uno stato che approva la pena di morte.
Lo stato italiano difende la vita in tutte le sue forme,
pertanto ritengo anticostituzionale sperperare i soldi dei contribuenti italiani
invitando una persona che agisce esattamente all'opposto

firma
data
==============
L'INVIO DELLA EMAIL E' SOSPESO
PER RAGGIUNTO OBIETTIVO.