venerdì, febbraio 3

02/02/06: Conferenza Stampa Festival


nel foto-montaggio: Fabrizio Del Noce e il volto di Grillo su quello di Giorgio Panariello.


Ieri alla conferenza stampa di presentazione del Festival 2006 si è parlato di tutto, tranne che di Beppe Grillo, ovviamente.

Nonostante l'appello pubblico lanciato all'Assessore Varnero (Turismo e manifestazioni), all'Assessore Cassini (Cultura), al Vice Sindaco Andracco e al Sindaco Borea di Sanremo, perché si unissero alla voce di popolo che sta chiedendo via email alla Rai un invito al Festival 2006 per Beppe Grillo, nessun commento, nessun segnale da parte dell'Amministrazione.
L'ennesimo evidente e conclamato avviso di un regime televisivo in atto in Italia a cui si assoggetta senza troppi problemi anche l'Amministrazione di Sanremo, che in realtà per la ideologia politica che rappresenta dovrebbe, al contrario, contrastare fortemente questo stato di cose.
Ma così non è...
E allora, tra battute ridicole sui fiori di Pescia (oltre al danno, la beffa) e parole vane sugli eventi collaterali al Festival (che in definitiva, dopo un taglio in finanziaria da 700.000 euro alle manifestazioni, saranno interamente a spese dei commercianti di Sanremo) non c'è il tempo, il modo, di dire una sola parola a favore di Grillo, la cui presenza al Festival ed in città sarebbe un sicuro successo di pubblico e media.
Nel domandarmi quanto ancora il popolo italiano sopporterà questa censura, che ci accomuna alla Cina o ai paesi islamici più fondamentalisti, domando scusa alla gente di Sanremo e all'Italia per la mancanza di libertà a cui siamo tutti costretti: per canto mio, mi vergogno di questi politici e mi vergogno di questa televisione.