sabato, gennaio 21

Bloccato il quarto indirizzo email dalla RAI

E' stato bloccato e non risulta più operativo da alcune ore l'indirizzo email rai-tv@rai.it

Resta funzionante (vedremo se bloccano anche questo) l'indirizzo:
usfestival@rai.it - ufficio stampa del festival, uilizzato dai giornalisti per gli accrediti e i comunicati stampa. Anche gli altri indicati a lato risultano ancora operativi.

La RAI sta dimostrando tutta la sua arroganza e mantiene un atteggiamento di superiorità nei confronti di tutti i suoi utenti che, ricordiamolo ancora, PAGANO un canone per il servizio reso e a quanto pare non hanno il diritto di fare una richiesta ai loro dipendenti-media.

Non è la strada migliore per un buon futuro di convivenza e per quanto mi riguarda ho già disdetto il canone, che non pagherò mai più.
Che non sia questa la cosa da fare tutti insieme?

E' a dir poco vergognoso anche il silenzio di tutti gli altri giornalisti e reti televisive, informati dell'iniziativa.
Solo SanremoNews.it fino a questo momento risulta aver dato spazio alla notizia e questo fa onore al suo direttore, Carlo Alessi, raro caso di indipendenza nel panorama giornalistico italiano.
Ma è logico che per parlare di Grillo ci vogliono le palle, cosa che i giornalisti italiani non hanno e ci vuole appunto spirito di indipendenza, cosa che i giornalisti italiani hanno perso da tempo, riparandosi chi più chi meno sotto questo o quel cappello politico..
E i poliltici?? Già, i politici..
Anch'essi sono stati informati, anche il Presidente Ciampi lo è stato.
Nessuna voce finora da nessuno di loro.

Vale la pena di ricordare che sono le stesse persone che parlano di parità di visibilità in tv (solo per loro ovviamente) e si riempiono la bocca con la parola DEMOCRAZIA, parola che purtroppo ormai ha un significato solo sulle pagine dei vocabolari.

Dov'è Antonio Di Pietro, che usa il blog di Grillo per sponsorizzare le sue iniziative politiche?
Dove sono Fausto Bertinotti e Alfonso Pecoraro Scanio, che come Di Pietro, hanno scritto a Grillo per testimoniargli la loro adesione al concetto di democrazia diretta, alle politiche ambientali citate da Beppe?
Dove sono tutti gli altri, informati direttamente via email?

Certo è facile venire nel blog (anzi, mandare qualcuno) ed usare uno spazio così frequentato per la propria propaganda, ma nel momento dell'azione, per ridare anche a Grillo la libertà di espressione citata nella Costituzione ed abbattere la censura, nessuno si sbilancia, nessuno si esprime.

Da questa mentalità bassa e meschina ci si deve guardare con estrema attenzione e difendersi, ricordandosene bene nel periodo elettorale.

Nessuno dei politici che sono stati informati e che trovate qui citati riceverà il mio voto se non saprà dire una sola parola in difesa della democrazia, della libertà di espressione e quindi di un esiliato in patria come Beppe Grillo.

venerdì, gennaio 20

Divulgazione a media e politici.

- Sono state informate la Redazione di Repubblica e la Direzione di Repubblica.it
- Una email informativa è stata inviata a Rete4, Canale5, Italia1
- Segnalata l'iniziativa a Sorrisi&Canzoni TV (a: Massimo Donelli, Rosanna Mani, Aldo Vitali, Giulio Dentoni, Fabio Forni, Giovanni Volpi, Maurizio Bedini, Alberto Carloni, Bice Colarossi)
- Segnalata l'iniziativa al Codacons - Osservatorio TV
- Segnalata l'iniziativa ai seguenti parlamentari:
gentiloni_p@camera.it
caparini_d@camera.it
dandrea_g@posta.senato.it
gianni_g@camera.it
pecoraro_a@camera.it
adornato_f@camera.it
bertucci_m@camera.it
buffo_g@camera.it
butti_a@camera.it
carra_e@camera.it
corsetto_g@camera.it
gamba_p@camera.it
giordano_f@camera.it
giulietti_g@camera.it
lainati_g@camera.it
larussa_i@camera.it
meandri_g@camera.it
merlo_g@camera.it
calmieri_a@camera.it
panettoni_g@camera.it
sterpa_e@camera.it
balboni_a@posta.senato.it
barelli_p@posta.senato.it
betta_m@posta.senato.it
boco_s@posta.senato.it
bonatesta_m@posta.senato.it
falomi_a@posta.senato.it
franco_v@posta.senato.it
guzzanti_p@posta.senato.it
iervolino_a@posta.senato.it
labellarte_g@posta.senato.it
malan_l@posta.senato.it
modica_l@posta.senato.it
mancada_g@posta.senato.it
montino_e@posta.senato.it
nania_d@posta.senato.it
novi_e@posta.senato.it
pedrazzini_v@posta.senato.it
pessina_v@posta.senato.it
scalera_g@posta.senato.it

Terza email bloccata dalla RAI!

Da qualche ora risulta bloccata anche la email della Direzione del TG3.

Della serie: la scimmietta ha le zampe sulle orecchie, sugli occhi e sulla bocca.

E' operativo questo indirizzo: festivaldisanremo@rai.it
Telefono: 06 375 16 673 - 4 - 5 - 6

Altri indirizzi nella lista a lato.

Invia anche tu la tua email per dire: NO alla censura. Grillo al Festival 2006

giovedì, gennaio 19

Pubblicato oggi su SanremoNews.it

Sanremo '06: campagna 'Grillo al Festival', primi risultati

Il Comitato ‘NO alla censura. Beppe Grillo al Festival 2006’ ha inviato il primo aggiornamento sull'andamento della campagna di sensibilizzazione per Beppe Grillo al Festival 2006 che sta coinvolgendo ormai migliaia di persone in tutta Italia.

“Dalle prime caute stime sono oltre 5.000 le e-mail già inviate alla Rai negli ultimi 3 giorni: ed è curioso, quanto triste, notare che già dopo le primissime ore dall'inizio della campagna risultava bloccato l'indirizzo e-mail usato (raiuno@rai.it) pubblicato nel sito Rai e che fino a quel momento funzionava perfettamente. La stessa cosa si è verificata anche il giorno seguente, con il blocco del secondo indirizzo utilizzato (news@rai.it) anch'esso prima perfettamente funzionante e che ora risulta inattivo. Tali blocchi, è il caso di notarlo, vanno a discapito di tutta l'utenza Rai nel suo insieme. Troviamo che questo sia l'atteggiamento più scorretto da parte dell'azienda. In fondo si tenta solo di ridare il giusto palco ad uno degli artisti italiani più amati, da tutte le fasce sociali indistintamente.

Esiste un blog di riferimento con gli aggiornamenti sulla campagna, il testo e alcuni indirizzi utilizzabili per spedire la propria e-mail alla Rai con la richiesta di invito per Beppe Grillo al Festival di Sanremo 2006. Questo l'indirizzo. http://grilloalfestival.blogspot.com

Cogliamo questa occasione, dalle pagine del giornale Sanremo News, titolare assoluto dello scoop su questa campagna pro Beppe Grillo, per rivolgere ufficialmente un caldo appello all'Assessore Varnero, all'Assessore Cassini e al Sindaco Borea, perché anch'essi si uniscano a noi pubblicamente nella richiesta che inoltriamo alla Rai, facendosi portavoce, a nome del Comune di Sanremo e della cittadinanza sempre fedelissima agli spettacoli di Grillo, di questa campagna, affinché termini l'esilio mediatico a cui il nostro artista e conterraneo Beppe Grillo è costretto ormai da anni.

Considerando poi le critiche e le polemiche già in corso, nonché l'evidente manifestazione generale di insoddisfazione a livello nazionale, circa il programma del Festival 2006 e le scelte operate dalla Commissione Artistica Rai di Panariello, quali, per non citarne altri, l'esclusione di una ottima artista, Annalisa Minetti, a cui va il nostro più sincero abbraccio, crediamo sinceramente che l'invito a Grillo rappresenterebbe da solo il successo sicuro ed un ottimo recupero per tutta la manifestazione. Invitiamo in ogni caso tutti ad aderire, visitando il blog segnalato e inviando la propria e-mail alla Rai".

Seconda email RAI che si chiude misteriosamente...

Anche l'indirizzo news@rai.it, perfettamente funzionante fino a poche ore fa, non riceve più posta e sembra essere scomparso nel nulla.

E' il secondo segnale di timore da parte della RAI che vuole evitare in ogni modo di ricevere le nostre email: ovvio, ne stanno già ricevendo moltissime !!

Quindi siamo a buon punto. Bisogna solo tenere duro.
A lato ci sono altri indirizzi, che al momento sono certamente attivi... vedremo se lo saranno anche domani.

In ogni caso chiedetevi: questa è la tv di stato del mio paese? a questo tipo di azienda pago il mio canone? poi rispondetevi da soli.

E' stato informato il Capo dello Stato di tutto questo, e proprio Ciampi oggi raccomandava "La parità deve essere garantita" riferendosi agli spazi televisivi delle parti elettorali per le prossime elezioni.
Non è forse giusto che tale parità di trattamento debba essere garantita anche a quei personaggi come Grillo, che rispetto alla maggioranza, dal punto di vista televisivo sono letteralmente esiliati in patria?

Il Dott. Di Pietro ha chiesto aiuto anche attraverso il blog di Beppe per divulgare la sua lettera aperta alla commissione di vigilanza a proposito di media ed elezioni.

La scorsa notte anche io ho scritto a Di Pietro (come a Bertinotti e Pecoraro Scanio) per chiedergli supporto a questa iniziativa pro Grillo.
Per oggi si è ricordato del blog a suo vantaggio; vedremo se nei prossimi giorni si ricorderà di Grillo anche per aiutarlo ad uscire dall'esilio mediatico che gli è imposto.
Anche questa è democrazia, speriamo che i nostri politici, informati della campagna, se ne ricordino. O ce ne ricorderemo noi a tempo debito :)

mercoledì, gennaio 18

La prima reazione dalla Rai: bloccata la email !!

E' stata inspiegabilmente resa inattiva la email raiuno@rai.it pubblicata nel sito di raiuno che non risulta più funzionante da alcune ore.
Lo era perfettamente fino a ieri.
Infatti i primi messaggi sono passati senza problemi.
Ecco il primo segnale della paura che hanno di tutti noi.
A Striscia la notizia sono stati informati della cosa.

E' il momento di darsi da fare. Forza ragazzi !!
Hanno reagito così immediatamente, ESATTAMENTE come fece il tronchetto chiuso nella sua stanza, con Beppe che urla di sotto.
E siamo solo all'inizio :))
L'Italia comincia a sapere della cosa, anche a livello istituzionale e la RAI sa che non può ignorarlo...

Insistiamo !!!

lunedì, gennaio 16

Te la do io la TV...

Beppe Grillo
un comico, un personaggio famoso, un uomo così amato da anni
all'unisono da tutto il paese, che viene intervistato e trasmesso
dai media internazionali ed è considerato una voce molto importante,
non ha spazio nella sua patria a causa del regime a cui essa è sottoposta.
Se lo chiede lui stesso e lo chiede anche a noi nei suoi spettacoli...

"dove potrei andare? in quale tv mi vedreste?"

Con la sua semplice chiarezza ci sta aprendo gli occhi da anni ed anni,
ci sta rendendo meno confusi e più consapevoli del fatto
che il male dell'Italia non è il suo popolo, ma il suo mal governo,
da sempre.
E ci sta insegnando che esiste un regime televisivo
che taglia le teste che hanno voci importanti
e sega le gambe ai personaggi troppo dinamici,
specie se sanno far divertire e far pensare allo stesso tempo.

La risposta che sentiamo di dare alla tua domanda, caro Beppe, è questa:

C'è solo un posto da cui meriti di rientrare in televisione oggi,
ed è il Festival di Sanremo, in diretta su RAIUNO, l'ultima sera,
in mondovisione.

Ci hai chiesto dove puoi andare, in quale tv...

Abbiamo in cuore fortissima la sensazione che stavolta lo spazio in tv
possiamo creartelo noi, con una email per uno.

E sai perché? Sì che lo sai... Ce l'hai spiegato proprio tu.
Perché come i politici sono i nostri dipendenti,
anche i media in realtà dipendono da noi,
in particolare la RAI che pretende un canone e ci vende pubblicità...

Siamo noi i datori di lavoro della RAI.

Quindi oggi lo chiediamo ufficialmente ai nostri dipendenti
certi del fatto che altri si uniranno:

***

Alla Direzione di RaiUno
e p.c. alla Direzione Generale della RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA


IN VIRTU' DEL MIO RUOLO DI FRUITORE FINALE
DEI CONTENUTI TELEVISIVI TRASMESSI DALLA RAI,
CHE PERCEPISCE UN CANONE A LIVELLO NAZIONALE
PER FORNIRMI SODDISFAZIONE
NEL PROFITTO DI QUEI CONTENUTI,
CHIEDO FORMALMENTE
CHE IL SIGN. BEPPE GRILLO SIA UFFICIALMENTE INVITATO
ALL'ULTIMA SERATA DEL FESTIVAL DI SANREMO 2006
IN DIRETTA SU RAI UNO.
Mi oppongo inoltre alla partecipazione di Schwarzenegger in quanto
rappresentante politico di uno stato che approva la pena di morte.
Lo stato italiano difende la vita in tutte le sue forme,
pertanto ritengo anticostituzionale sperperare i soldi dei contribuenti italiani
invitando una persona che agisce esattamente all'opposto

firma
data
==============
L'INVIO DELLA EMAIL E' SOSPESO
PER RAGGIUNTO OBIETTIVO.